Dalle Federazioni

Enav: Fast Confsal, bene i conti, ora pensare ai lavoratori

1 Mins read

“Accogliamo molto positivamente i risultati economici illustrati dall’ad di Enav, Pasqualino Monti, ma ci aspettiamo che i vertici dell’azienda prendano ora decisioni conseguenti in merito al trattamento economico dei lavoratori che a questi risultati hanno contributo, anche in condizioni di organico non sempre ottimali”. Così il segretario generale Fast-Confsal, Pietro Serbassi, ha commentato i conti dell’Enav, che ha chiuso il 2023 con un miliardo di ricavi e promette di fare ancora di più nei prossimi anni con un piano che prevede un’espansione anche sull’attività non regolate, come ad esempio l’ingresso societario in uno scalo aeroportuale.

“I risultati economici del gruppo – ha spiegato Serbassi – sono lusinghieri e sicuramente frutto di una gestione capace. Ma la loro consistenza è tale da non consentire di tradire le aspettative dei lavoratori sul rinnovo del contratto. Un rinnovo che tutti si aspettano in linea con i conti aziendali e adatto ad affrontare le prossime sfide che il gruppo si appresta a sostenere, in una logica di crescita e di espansione”.

“A questo proposito, in vista degli obiettivi a scadenza più ravvicinata – prosegue il segretario generale Fast-Confsal – corre l’obbligo di ricordare al management che gli organici dell’azienda sono ridotti all’osso. E questo è un elemento da valutare con attenzione non solo per garantire il turn over del personale prossimo alla pensione ma anche per mettere l’Enav in condizione di fornire servizi in modo regolare durante la prossima estate, che si prevede la più gravosa di sempre, anche a detta della stessa azienda, che prevede un incremento delle unità di servizio più che ragguardevole”.