Comunicato StampaImpiego pubblico

P.A. MARGIOTTA (CONFSAL): CONTINUA LA PROTESTA CONTRO UNA MANOVRA INIQUA

1 Mins read

Roma, 27.12.2018. «Le Federazioni del Pubblico Impiego della Confsal, lo Snals, la Fials, e l’Unsa, continueranno nel mese di gennaio le azioni di protesta contro una Legge di Bilancio  che segna l’ennesima dimenticanza verso i  lavoratori pubblici» dichiara Angelo Raffaele Margiotta, Segretario generale della CONFSAL.

«20 euro lordi per i contratti nel pubblico impiego e l’ennesimo congelamento del ricambio generazionale -almeno fino a novembre 2019-, rappresentano un attacco a milioni di lavoratori e un tradimento per migliaia di persone che -dopo un regolare concorso- attendono dopo tanti sacrifici un impiego stabile»

«La Confsal chiede al Governo un immediato cambio di rotta e un serio progetto per il lavoro pubblico. Le Federazioni del pubblico impiego della Confsal, Snals, Fials e Unsa manifesteranno ancora una volta per la dignità del pubblico impiego. Su questa partita, decisiva per milioni di lavoratori, per giovani in attesa di occupazione e per il paese, c’è bisogno di un grande fronte sindacale compatto, e per questo» conclude il Segretario generale della Confsal «chiedo di unire le forze attraverso una manifestazione unitaria  per il lavoro e per il rilancio dell’amministrazione pubblica italiana»

Related posts
Comunicato StampaDalla Confederazione

CONFIMI INDUSTRIA e CONFSAL firmano il primo contratto multimanifatturiero

2 Mins read
Tra le novità: partecipazione dei lavoratori nel Cda, salario minimo a 9€/ora e orario di lavoro su 4 giorni a parità di…
Comunicato Stampa

CONFSAL(MARGIOTTA): DEDICATO ALLE DONNE

1 Mins read
Rinascita Donna è il titolo di un documento programmatico dedicato alle Donne ed in particolare alle Donne Imprenditrici, che fa del lavoro e…
Comunicato Stampa

Confsal (Margiotta): Un piano straordinario per l’emergenza sicurezza del lavoro

1 Mins read
Roma 26 febbraio 2024 Incontro con i sindacati a Palazzo Chigi sulla salute e sicurezza sul lavoro “Centinaia di migliaia di segnalazioni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *