Dalla ConfederazioneDalle FederazioniPesca

ISOLE MINORI – AUDITA LA CONFSAL PESCA PRESSO LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

1 Mins read

Il giorno 29 maggio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, in Sala “Monumentale”, è stata audita la Confsal rappresentata dal Capitano Paolo Pignalosa della Confsal Pesca sulle problematiche delle isole minori.

“Nel corso degli anni, ha dichiarato il Capitano Pignalosa della Confsal Pesca, c’è stato un utilizzo delle risorse marine non consapevole che molto spesso è degenerato in sovrasfruttamento degli stock ittici, c.d. overfishing, da parte dei pescatori -sia gli sportivi, ma anche e, soprattutto, chi lavora in questo ambito- che ha depauperato l’ecosistema marino, arrecando un danno non indifferente che avrebbe potuto o potrebbe diventare, se non corretto adeguatamente ed in tempo, irreversibile. La soluzione per tutelare il Mare che circonda la penisola italiana e attuare, contestualmente, una pesca che possa essere sostenibile per adeguarsi alle richieste delle direttive europee, in sinergia con le nuove strategie sulla biodiversità”.

“Occorre – ha proseguito il Capitano Pignalosa -strutturare un progetto pilota sull’acquacoltura a favore dei pescatori, da attuare nelle isole minori italiane e, più in generale, per tutte quelle zone che volessero provare una strada alternativa per il sostentamento dei pescatori. In questo modo la ripopolazione delle risorse ittiche, attuata in maniera progressiva e costante, porta a benefici su larga scala. In tal modo il pescatore si sentirebbe doppiamente responsabilizzato sia per la cura che per la ripopolazione degli habitat con determinati stock ittici, sia perché avrebbe ugualmente un guadagno senza danneggiare ambiente ed ecosistema marino, permettendo la crescita della fauna”.

“La Confsal, anche per le problematiche delle Isole minori, si impegna – afferma il Segretario generale Angelo Raffaele Margiotta – a mettere in campo tutte le azioni necessarie per il rilancio dell’economia delle isole minori con una costante attenzione alle condizioni di vita dei lavoratori”.