Comunicato StampaDalla ConfederazioneScuola

Audizione Legge di Bilancio: Serafini, Snals-Confsal “Il governo non tiene in giusta considerazione la scuola”

1 Mins read

Roma, 19 novembre 2021
“Si parla di rilancio del Paese e delle sue attività, ma nella legge di Bilancio c’è stata una scarsissima attenzione sul mondo della scuola e dell’istruzione”, così ha dichiarato il Segretario generale dello Snals-Confsal Elvira Serafini in Audizione alle commissioni riunite di Camera e Senato sulla Legge di Bilancio.
“Avevamo delle promesse ben chiare da parte del Ministro Bianchi di una situazione a dir poco tranquilla. Si parlava – ha ricordato Serafini- dell’apertura di una stagione contrattuale a tre cifre con un aumento congruo, in cui sarebbe stato tenuto presente un atto di indirizzo mirato al raggiungimento di obiettivi già espressi in maniera chiara nel ‘Patto per la scuola’ firmato il 20 di maggio. Di conseguenza – ha aggiunto – già nel Patto c’era un’idea chiara di un rilancio della scuola, dell’Università, degli Enti di ricerca e della stessa Afam”.
Invece, “ancora una volta la scuola viene considerata fanalino di coda da questo Governo”, ha concluso il segretario generale ricordando, per questo motivo, come lo Snals abbia dichiarato da subito lo stato di agitazione.

Related posts
Breaking NewsDalla ConfederazioneSicurezza

Meeting Safety Confsal, l’impegno della Confsal per la prevenzione partecipata

3 Mins read
Salute e Sicurezza sul Lavoro Modera:      Luigi Monfredi    Rai News 24 Panel 1 – ore 09,15:            LE AGGRESSIONI AL…
Comunicato Stampa

A Palazzo Chigi per chiedere quali le ricadute occupazionali del PNRR.

1 Mins read
Apprezziamo l’approccio del Governo. Necessario monitoraggio costante e una gestione dedicata per il Sud, ancora troppo indietro “Oggi a Palazzo Chigi abbiamo…
Dalla Confederazione

Corriere dell'economia

1 Mins read
Carissima/o,Oggi l’informazione, in particolare quella inerente all’economia, assume una importanza strategica per il sindacato,  per i lavoratori, le imprese e  i cittadini…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.