Comunicato StampaDalla ConfederazioneTrasporti

Infrastrutture e trasporti, Confsal: “Il Paese non può rimanere la cenerentola dell’economia continentale, serve visione d’insieme”

1 Mins read

“Infrastrutture e trasporti giocano un ruolo fondamentale per il rilancio del Paese e rappresentano il volano economico della ripresa”. A sostenerlo è la Confsal, la Confederazione generale dei sindacati autonomi dei lavoratori, durante “Digital Debate” organizzato da Hdrá sulla semplificazione delle procedure per rilanciare l’economia e dedicato alle nuove opere ed alle infrastrutture strategiche. All’evento sono intervenuti, tra gli altri, il Sottosegretario Salvatore Margiotta ed i deputati della Commissione Trasporti alla Camera Diego De Lorenzis e Raffaella Paita.

È evidente che dovremmo approfondire i documenti del Piano Colao, ma in ogni caso abbiamo il dovere di salvare le Infrastrutture ed i trasporti con un programma di manutenzione e, successivamente, rilanciarli con un piano che guardi al futuro ottimizzando costi e tempi”.

A nostro avviso – spiega il Vicesegretario Generale e Capo dipartimento Trasporti Confsal Pietro Serbassi- quello che emerge dai documenti tecnici del piano Colao è la mancanza di equità, poiché non tutte le realtà economiche e territoriali vengono considerate allo stesso modo, ovvero con un trattamento uniforme tenendo conto della situazione di partenza. Un’attenzione particolare andrebbe alla situazione del Sud Italia; serve un grande piano di manutenzione delle infrastrutture ed un piano di integrazione dei trasporti intermodale per minimizzare gli oneri ed aumentare le velocità di spostamento sulla base delle reti attuali”.

Servirebbe anche – ha concluso Pietro Serbassi nel suo intervento all’evento – terminare i cantieri aperti, efficientare l’esistente e fare di necessità virtù per non rimanere Paese cenerentola dell’economia continentale. Tutto ciò dovrebbe partire da una visione d’insieme del Governo che, purtroppo, non ci sembra abbia ancora”.